Eventi e Spettacolo Musica

“Youth sing Europe”: raccontare l’Europa attraverso la musica

Il cantautore siciliano Carmelo Piraino, appena uscito con il suo disco d’esordio dal titolo “Non so se posso” (candidato al Premio Tenco come “Miglior Opera Prima”), è stato tra i protagonisti in qualità di docente di songwriting di “Youth sing Europe”: un progetto, appena concluso, promosso dall’associazione “Rock10elode”, sempre attenta ai giovani e alla musica, con il contributo del Parlamento Europeo e il Patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana, che si pone l’obiettivo di raccontare l’Unione Europea, la sua Storia, i valori su cui si fonda e la sua missione, attraverso la Musica e le canzoni. 

Letteralmente “i giovani cantano l’Europa”: questo perché il progetto, attraverso la creatività e le canzoni, vuole avvicinare i più giovani alla scoperta dell’Unione Europea, intesa come una grande Comunità in cui essere protagonisti, in cui condividere interessi e passioni, svolgere un ruolo attivo di cittadini portatori di diritti e doveri, mettendo sempre al centro la Musica, strumento formidabile di aggregazione e comunicazione.

Dopo una prima fase di carattere più informativo che ha previsto lo svolgimento di 5 webinar, in stretta collaborazione con il Parlamento Europeo e con l’Ufficio Italiano del PE, si è passati alla realizzazione di un laboratorio di songwriting in cui i ragazzi, attraverso la scrittura di testi e l’ascolto di canzoni che hanno immortalato i valori dell’Europa, hanno raccontato a loro modo l’unione Europea; condividendo le loro aspettative, le loro domande e i loro sogni e, soprattutto, realizzando un brano corale da cui sarà tratto un video che rappresenterà il cuore del Progetto.

A guidare i ragazzi all’interno di questo Laboratorio di scrittura di canzoni Carmelo Piraino (come cantautore nel 2018 si aggiudica la finale di Musica contro le mafie con ’Ntall ‘aria” – canzone corale, scritta da Piraino, dedicata a Paolo Borsellino – e quella di Sanremo Rock con le canzoni “Ntall’Aria”“Il mio funerale”, con cui vince la decima edizione del Premio Donida) che affianca la sua attività di cantautore a quella di docente in percorsi di songwriting promossi dall’Associazione di “Rock10eldoe”, facendo tesoro della sua esperienza maturata al Cet – Centro Europeo di Tuscolano, la Scuola creata e diretta da Mogol. 

Durante gli incontri, che sono stati realizzati in modalità web su piattaforma zoom, Carmelo Piraino, in collaborazione con il musicista Claudio Terzo e il rapper Picciotto, suoi compagni di viaggio, ha presentato ai ragazzi le principali tecniche per scrivere una canzone. Strumenti e metodologia mutuati, come detto, dal Corso “Autori” diretto da Mogol.

Durante i vari appuntamenti, i partecipanti, sperimentando attraverso la scrittura, si cimentano nella creazione di loro brani. Così come avvenuto nel Laboratorio “Sing yours rights”, nell’ambito del progetto “Youth sing Europe”. Il risultato di questi percorsi è sempre sorprendente. I ragazzi (ma non solo loro perché destinatari dell’iniziativa sono appassionati di età diversa) riescono a scrivere brani con una consapevolezza nuova. Una consapevolezza che nasce dalla scoperta di quanto importante sia per un autore porsi in maniera sincera nel raccontare la propria vita, le proprie esperienze e i propri sentimenti, impegnandosi sempre nella propria crescita personale perché per diventare bravi autori non basta avere “talento” ma occorrono tanto lavoro, umiltà e voglia di migliorarsi sempre. Come dice Mogol: “per imparare a scrivere occorre…scrivere!”

di Redazione – EmmeReports

error: Content is protected !!