Salute

1° Maggio, Lello Analfino omaggia i lavoratori dell’emergenza sanitaria

Lello Analfino

Primo Maggio in trincea contro il Covid19 per i lavoratori dell’emergenza sanitaria e il cantante dei Tinturia, Lello Analfino ha voluto omaggiare medici, infermieri e operatori sanitari cantando alcuni suoi pezzi famosi.

Stamattina all’alba, le note di “Cocciu d’Amuri” e “92100” risuonavano al porto: un omaggio ai medici dei Tat – Tamponi a tappeto prima dell’inizio di un un’altra giornata di screening, a testare i viaggiatori in arrivo dalle navi. Seconda tappa, Fiera del Mediterraneo dove Lello Analfino ha regalato qualche istante di musica ai medici vaccinatori, agli impiegati al lavoro al padiglione 16 e alle tante persone già in attesa di immunizzarsi fin dal primo mattino. Un fuoriprogramma inaspettato e apprezzato, tra selfie, applausi e “Cocciu d’amuri” intonata dal pubblico.

“Il nostro futuro è in mano al vostro lavoro” ha detto il musicista siciliano al personale sanitario della Fiera, ringraziando tutti i lavoratori dell’emergenza Covid, anche quelli dietro le quinte.

“Io sono stato colpito in prima persona da questa pandemia: il virus mi ha portato via mia madre. Non dimenticherò mai il grande lavoro dei medici che l’hanno curata, come spero che l’Italia non dimentichi mai il vostro grande lavoro: le avete permesso di continuare a camminare” ha ricordato Analfino che ha promesso di organizzare presto un concerto e dedicarlo ai lavoratori dell’emergenza sanitaria, quando si potrà

“Avrei voluto farlo già ora: Mario Incudine era stato il primo a dirmi sì, poi Matranga e Minafò, Chris Clun, ma non abbiamo potuto, a causa delle restrizioni” ha concluso il front man dei Tintura.

Ad accompagnarlo, con chitarra e percussioni, Claudio Terzo e Francesco Prestigiacomo, in rappresentanza di tutti i musicisti e dei lavoratori dello spettacolo, tra i più colpiti dalla pandemia. Fine del mini-tour all’aeroporto Falcone e Borsellino, il tempo di una performance lampo per i medici al lavoro nell’area test-Covid.

“È stato commovente. Anche da un periodo difficile come quello che stiamo vivendo possiamo ricavare emozioni intense. Oggi per noi è un giorno felice, oltre che di festa: la Fiera del Mediterraneo ha raggiunto il record di vaccinazioni, 4700 in un giorno, una quantità mai sfiorata dall’hub. Il vaccino è speranza, la musica è bellezza: grazie a Lello Analfino, a Claudio Terzo e a Francesco Prestigiacomo per averla portata a tutti i nostri lavoratori” ha commentato il commissario Covid di Palermo e provincia, Renato Costa.

di Redazione – EmmeReports

Redazione

Commenta

Clicca qui per pubblicare un commento

Rispondi

Ascolta Radio Time!

Iscriviti a EmmeReports!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Seguici sui social

Resta aggiornato con le nostre news!

error: Content is protected !!