Archivi

Categorie

Tags

Heath Tips

  • In enim justo, rhoncus ut, imperdiet a
  • Fringilla vel, aliquet nec, vulputateDonec pede justo,  eget, arcu. In enim justo, rhoncus ut, imperdiet a, venenatis vitae, justo.Nullam dictum felis eu pede mollis pretium.

Incidente sulla A19: morto Stefano Cardella che viaggiava con Daniele De Martino

Incidente sulla A19: morto Stefano Cardella che viaggiava con Daniele De Martino
Condividi l'articolo

Bilancio pesantissimo quello dell’incidente di ieri sull’autostrada Palermo-Catania tra gli svincoli di Gerbini e Catenanuova, all’altezza del chilometro 167, nell’Ennese.

L’incidente, per cause in corso di accertamento, ha coinvolto due veicoli, un furgone e una Porsche Cayenne, causando la morte di Stefano Cardella e il ferimento di altre due persone, tra cui il conducente del furgone che è stato trasportato in codice rosso con l’elisoccorso all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta. 

A bordo del Porsche Cayenne, oltre a Stefano Cardella viaggiava il cantante palermitano Daniele De Martino.

Salvo La Rosa attraverso la pagina ufficiale di Facebook di De Martino ha rassicurato sulle condizioni del cantante: “Ciao a tutti sono Salvo La Rosa sì è vero Daniele ha avuto un incidente ma state tranquilli sta bene. La persona che gli stava accanto non ce l’ha fatta”.

Intorno alle 13, sempre sulla pagina ufficiale di Daniele De Martino, Salvo La Rosa ha comunicato “Daniele verrà operato oggi pomeriggio ma state tranquilli ritornerà più forte di prima .Grazie (NB) tutte le sue prestazioni sono sospese in data da definirsi”.

Quanto scritto da La Rosa conferma che il cantante palermitano è rimasto ferito nel terribile incidente di ieri e non illeso come erroneamente riportato da alcune testate online che si sono lasciate ingannare da un fotomontaggio che ritrae Daniele De Martino in piedi mentre fa un cenno ad un poliziotto, il tutto nelle vicinanze del SUV andato distrutto.

Il fotomontaggio girato in rete in queste ore

di Antonio Melita – EmmeReports

Antonio Melita

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!