Archivi

Categorie

Divelti nell’area pedonale via Maqueda – Corso Vittorio Emanuele 30 cestini

Divelti nell’area pedonale  via Maqueda – Corso Vittorio Emanuele 30 cestini
Condividi l'articolo

Questa notte il centro di Palermo è stato oggetto di atti vandalici con il danneggiamento di 30 cestini gettacarta nelle aree pedonali di via Maqueda e corso Vittorio Emanuele.

A darne notizia il direttore della RAP Roberto Li Causi che stamattina è stato avvisato dagli addetti allo svuotamento programmato dopo il sabato sera.

“Abbiamo chiesto alla Polizia Municipale non solo di visionare i filmati delle telecamere pubbliche della zona, ma anche di acquisire quelli delle numerose telecamere di esercizi commerciali privati, che certamente hanno ripreso la gentaglia che ha compiuto questo crimine contro la città. Ci aspettiamo dai commercianti la massima collaborazione perché sono loro i primi a subire questi atti, che nessuno potrà chiamare bravata o ragazzata” ad affermarlo il sindaco Leoluca Orlando e il vicesindaco Fabio Giambrone.

Per il Presidente e il Direttore della Rap, Giuseppe Norata e Roberto Li Causi “questi sono comportamenti criminosi che colpiscono il bene comune. I danni provocati, oltre a rappresentare un’offesa al decoro e all’igiene, rappresentano infatti motivo di rischio per i cittadini e comportano un costo ingente per le riparazioni. Un costo che ricade su tutta la collettività”.

“Confidiamo, oltre che nella professionalità delle forze di polizia nel compiere le necessarie indagini, nella netta condanna da parte dei cittadini, perché solo con una risposta civica potremo isolare, affrontare e punire gli incivili” concludono Norata e Li Causi.

“Più che isola pedonale, la via Maqueda è diventata una zona franca dove tutto è concesso e purtroppo lo stesso è via Vittorio Emanuele” scrive su Facebook il presidente della Sesta Commissione consiliare Ottavio Zacco.

di Redazione – EmmeReports

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto