Archivi

Categorie

Cimitero dei Rotoli, Gelarda (Lega): “Presentato esposto in Procura, se ci sono responsabili che paghino”

Cimitero dei Rotoli, Gelarda (Lega): “Presentato esposto in Procura, se ci sono responsabili che paghino”
Condividi l'articolo

“La Lega ha presentato un esposto in Procura per la vergognosa situazione delle bare a deposito al cimitero dei Rotoli” a dichiararlo è il capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile, Igor Gelarda.

“La situazione è insopportabile e intollerabile. Siamo stati coperti di ridicolo in tutta Italia, visto che la notizia è abbondantemente “passata” anche sugli organi di stampa e tg nazionali. Tutto ciò è vergognoso verso quello che è il culto della Pietà nei confronti dei morti. Pietà verso i defunti che gli esseri umani hanno avuto sin dalla notte dei tempi e che nella Palermo del 2020 sembra non potersi più praticare” ha continuato l’esponente della Lega.  

Attraverso il suo capogruppo la Lega fa sapere di aver ricevuto “decine di segnalazioni” di parenti costretti a vedere i propri cari defunti, da diversi mesi, in un deposito. Una situazione drammatica che ha spinto anche l’Arcivescovo Lorefice ad intervenire chiedendo la sistemazione delle salme.

“Riteniamo che si potrebbe porre anche un pericolo sanitario, acuito dalle alte temperature estive, oltre che di incuria e di cattiva gestione. La realizzazione di un nuovo cimitero e del forno crematorio sono fermi e non si riesce a superare questa annosa fase di emergenza” ha continuato Gelarda.

“La Lega ha pertanto ritenuto opportuno chiedere alla procura di Palermo di verificare se siano stati commessi dei reati e, qualora venissero individuati dei responsabili di questo scempio, che paghino”

“Palermo ed i palermitani non possono tollerare questo tipo di umiliazione da parte di chi, evidentemente non sa governare” ha concluso Igor Gelarda , ribadendo che la soluzione politica unica per salvare la città sarebbe quella delle dimissioni immediate del sindaco Orlando.

di Redazione – EmmeReports

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto